Allergia ad Alimenti

L’allergia alle arachidi: allo studio un trattamento per desensibilizzare i soggetti allergici

arachidi_scoiattolo
L’allergia alle arachidi è tra quelle alimentari forse una delle più complicate da gestire. Anche solo una traccia di arachide è in grado di scatenare reazioni allergiche nei soggetti sensibili. Ma da qualche tempo è allo studio in Quebec un trattamento di immunoterapia cutanea che, se arrivasse a buon fine, permetterebbe nel medio periodo di rendere la vita dei soggetti allergici meno restrittiva e soggetta a stress. Infatti negli ultimi anni sono stati fatti molti progressi nel trattamento delle allergie alimentari, andando a modificare almeno in parte l’opzione, a lungo considerata come l’unica possibile, di evitare nel modo più assoluto l’allergene. In questo momento è allo studio la fase 3 di REALISE che mira a valutare da un lato l’innocuità, dall’altro l’efficacia di un trattamento di immunoterapia cutanea (Viaskin Peanut). 335 bambini tra i 4 e gli 11 anni partecipano allo studio. Tra di loro, alcuni stanno effettivamente ricevendo il trattamento oggetto dello studio e lo assumeranno per tre anni. Allo stesso tempo gli altri ricevono semplicemente un placebo per i primi sei mesi, dopo i quali assumeranno invece il trattamento attivo. Tutti i 335 bambini per 36 mesi avranno una sorta di timbro posizionato sulla schiena. Questo permette il rilascio lento e continuo degli allergeni delle arachidi. Ed è proprio il contatto con l’allergene che, se da un lato sottopone i soggetti a rischio di anafilassi, dall’altro, in caso di successo della terapia, permetterà agli stessi di raggiungere uno stato di tolleranza. arachidi_arachidi Ovviamente, il trattamento nella fase di studio non è privo di rischi. I bambini che si sono sottoposti alla sperimentazione del farmaco e le loro famiglie si sottopongono volontaria allo studio consapevoli degli svantaggi: periodiche analisi del sangue presso la struttura ospedaliera, prurito ed irritazione nella zona della schiena dove è apposto il patch, stress per la consapevolezza dei rischi dovuti alle reazioni allergiche. Ma ovviamente la speranza dei famigliari e dei bambini è quella di raggiungere una condizione di desensibilizzazione agli allergeni delle arachidi e di poter consumare con più tranquillità alcuni cibi.   Alcune informazioni supplementari sul trattamento  

Info autore

Dr. Filippo Fassio

Allergologo, appassionato di allergologia e Allergy Blogger. Lavoro tra Firenze, Pistoia e Lucca. E cerco di fare del mio meglio per arrivare sempre alla soluzione del problema!