News

Allergie e asma, legame a doppio filo: EAACI lancia una campagna di sensibilizzazione

L’allergia: un problema di salute pubblica di proporzioni ormai pandemiche che colpisce più di 150 milioni di persone solo in Europa. Secondo gli esperti, un bambino su tre ad oggi è affetto da una allergia e le previsioni dicono che entro dieci anni questa proporzione salirà ad uno su due. L’EAACI (European Academy of Allergy and Clinical Immunology) ha appena lanciato una campagna di sensibilizzazione per diffondere la conoscenza sul tema delle allergie, imparare a riconoscerle ed evitare di sottovalutarle, comprendendo quanto profondamente possano impattare sulla qualità della vita, quanto possano essere costose e gravi le patologie che possono derivare da una allergia e quanto sia importante la diagnosi precoce e una corretta terapia. La campagna, che è stata chiamata Beware of Allergy (www.bewareofallergy.com), in italiano Attenzione alle Allergie, nasce con lo scopo di aiutare i pazienti e le loro famiglie a controllare meglio le loro allergie e a migliorare la loro qualità della vita e di sensibilizzare ad un aumento delle risorse pubbliche destinate alla gestione delle allergie. La campagna di sensibilizzazione sarà portata avanti sino a tutto il 2014 e affronterà diversi tipi di argomenti come asma, allergie alimentari, anafilassi, rinite allergica, immunoterapia, reazioni cutanee. Il primo argomento trattato sarà proprio l’asma allergica ed avrà l’obiettivo di aumentare la consapevolezza in merito a quanto allergia e asma siano patologie strettamente correlate. L’asma è una delle patologie croniche più diffuse, colpisce infatti 300 milioni di pazienti nel mondo con profondi effetti sulla produttività a scuola e sul lavoro e sulla qualità della vita dei pazienti affetti. La presenza di asma è particolarmente in aumento nelle zone più urbanizzate, caratterizzate da cambiamenti ambientali e di stile di vita che ne favoriscono la comparsa. Secondo le previsioni entro il 2025 si aggiungeranno agli attuali 300 milioni di malati di asma altre 100 milioni di persone, portando l’asma ad essere la maggiore patologie cronica infantile ed una delle maggiori cause di spesa per la salute pubblica. Le ragioni che portano alla comparsa dell’asma non sono ancora completamente chiare, tuttavia è provato che i soggetti con riniti, dermatite atopica, allergie alimentarie e con una storia familiare che comprende casi di asma sono a maggiore rischio di sviluppo di questa patologia. In molte persone, inoltre, l’asma è una reazione allergica causata dalla inalazione di allergeni come forfora di animale, polline, acari. Vi sono inoltre altre importanti informazioni su asma e allergie:
  • L’eczema atopico è spesso il primo segno che il bambino ha un fenotipo atopico e possa quindi essere a rischio di sviluppare asma e rinite
  • Il 75% degli adulti con asma è anche affetto da rinite allergica
  • Il 50% delle persone affette da rinite allergica soffre di asma
  • Il corretto trattamento della rinite può migliorare i sintomi dell’asma, soprattutto la tosse
Come riconoscere l’asma allergico Potreste essere affetti da asma se si verificano episodi ricorrenti di tosse, dispnea (respirazione affannosa), respiro sibilante o senso di costrizione toracica. I sintomi possono essere scatenati da raffreddori, esposizione al fumo di sigaretta, aria inquinata, presenza di allergeni come acari, peli di animali, muffe, graminacea, ecc. Poiché il contatto con gli allergeni è difficilmente evitabile, è importante che le persone affette da asma allergica sappiano identificarne i sintomi e imparino ad evitare una crisi.   L’asma allergico: come tenerlo sotto controllo Il controllo ottimale dell’asma è l’obiettivo di ogni terapia. Asma sotto controllo significa nessun sintomo giornaliero o notturno, nessuna assenza da scuola o dal lavoro, buone capacità di fare sport e nessuna crisi di asma che richieda una visita all’ospedale. Per ottenere questi risultati la cosa importante è riconoscere e trattare la malattia. Nella maggior parte delle persone l’asma può essere tenuta sotto controllo da misure ambientali e farmaci per l’asma. Sono disponibili molti trattamenti, ma il controllo delle patologie allergiche associate, come la rinite allergica, è un passo essenziale per acquisire il controllo dell’asma. Un test per le allergie è quindi consigliato. Maggiori informazioni su www.bewareofallergy.com Foto: bewareofallergy.com

Info autore

Dr. Filippo Fassio

Allergologo, appassionato di allergologia e Allergy Blogger. Lavoro tra Firenze, Pistoia e Lucca. E cerco di fare del mio meglio per arrivare sempre alla soluzione del problema!