News

Neonati e allergia: pulire il ciuccio con la saliva potrebbe avere un effetto protettivo

  Secondo un recente studio pulire il ciuccio dei bambini con la saliva potrebbe ridurre il rischio che il bambino sviluppi allergie. La stimolazione del sistema immunitario attraverso l’esposizione ai microbi presenti nella saliva dei genitori infatti condurrebbe, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica “Pediatrics”, a un minor rischio di sviluppo di asma e eczema allergico per il bambino. Lo studio è stato condotto esaminando i dati relativi a 184 bambini che sono stati inclusi nello studio sin dalla nascita. I bambini selezionati avevano almeno uno dei due genitori affetto da allergia, ed erano pertanto considerati “a rischio” di divenire allergici nel corso dei primi anni della loro vita. Tutti i genitori si sono sottoposti a interviste approfondite a proposito della gravidanza e delle abitudini domestiche ed hanno compilato un diario relativo alla alimentazione dei bambini, alle loro malattie, all’assunzione di medicinali e ad altri eventi significativi nei loro primi sei mesi di vita e nei successivi sei mesi. Tra le domande poste ai genitori anche quelle relativa all’uso del ciuccio e alle modalità di pulizia. All’età di 18 e di 36 mesi, e ogni qual volta i bambini abbiano mostrato i sintomi di una allergia, i bambini sono stati esaminati da un allergologo. Dall’analisi dei dati raccolti è emerso che l’abitudine di pulire il ciuccio del bambino mettendolo prima nella bocca di uno dei genitori ha portato a una forte riduzione dei casi di eczema e asma nei bambini. Anche il microbiota orale (ovvero la popolazione di batteri che è naturalmente presente nella saliva) dei bambini è risultato diverso a seconda che i genitori abbiano dichiarato o meno l’abitudine a pulire il loro ciuccio con la saliva. È possibile che l’effetto osservato sia dovuto al trasferimento di batteri dalla saliva dei genitori al bambino attraverso il ciuccio. Senza dubbio, da questa abitudine facilita il trasferimento batterico precoce, prima ancora che il bambino inizi ad utilizzare cucchiai e simili. L’esposizione del bambino alla saliva potrebbe accelerare lo sviluppo di un complesso sistema di batteri orofaringei che influenzano la capacità dell’organismo di tollerare gli antigeni (gli antigeni sono le sostanze in grado di scatenare una reazione immunitaria). Inoltre, i batteri orali vengono inghiottiti e dunque potrebbero anche influenzare la composizione del microbiota nell’intestino tenue, regolando dunque la tolleranza agli antigeni anche in quest’area. Saranno ora necessari ulteriori studi per stabilire se succhiare il ciuccio prima di darlo al bambino possa essere un metodo semplice e sicuro per ridurre i rischi di sviluppare allergia nei neonati e nei bambini. Foto: Pixabay.com

Info autore

Dr. Filippo Fassio

Allergologo, appassionato di allergologia e Allergy Blogger. Lavoro tra Firenze, Pistoia e Lucca. E cerco di fare del mio meglio per arrivare sempre alla soluzione del problema!