News

Vademecum per difendersi dagli allergeni in casa

Acari, muffe e peli di animale sono i principali fattori scatenanti le reazioni allergiche: impariamo a tenerli lontani dalle nostre case Non solo i pollini, ma numerose altre sostanze sono responsabili dei fastidiosi sintomi dell’allergia, chi soffre di rinite allergica perenne lo sa bene. Starnuti, naso che cola, lacrimazione e difficoltà respiratorie sono presenti tutto l’anno, in quanto gli allergeni responsabili dell’infiammazione della mucosa nasale, si sviluppano principalmente in casa. Materassi, cuscini, lenzuola, divani e tende ospitano acari e peli di animale e la polvere, che si accumula in tutti gli angoli della casa, ne è il principale veicolo: 1 g di polvere può contenere fino a 1000 acari, animali microscopici che vivono in ambienti caldi (20°C) e umidi (70/80%) e si nutrono dei residui cutanei. Sui pavimenti e sulle pareti umide invece, si sviluppano spesso le muffe, anch’esse responsabili della comparsa di reazioni allergiche. Per alleviare i sintomi, oltre ai comuni trattamenti farmacologici, può essere utile adottare degli accorgimenti atti a ridurre gli allergeni all’interno delle nostre case. Qui di seguito una mini guida sulle azioni da intraprendere “stanza per stanza”, per ridurre al minimo la presenza di questi ospiti indesiderati nelle nostre case: CAMERA DA LETTO: Utilizzare rivestimenti antiacaro su materassi e cuscini Lavare le lenzuola e le federe una volta alla settimana a temperature superiori a 60°C Preferire le coperte di cotone o di lana ai piumini, le quali vanno comunque regolarmente aspirate con un aspirapolvere dotato di filtri HEPA Rimuovere tappeti e moquette Preferibilmente tenere i libri in librerie chiuse Evitare peluche e giocattoli di stoffa nella camera dei bambini. Se questo non fosse possibile, lavarli settimanalmente a temperature superiori ai 60°C Non permettere agli animali domestici di dormire sui letti Sostituire il materasso ogni 10 anni Sostituire i cuscini ogni 5 anni BAGNO Rimuovere la muffa non appena la si vede ovunque in bagno Utilizzare tappeti lavabili e lavarli settimanalmente Arieggiare regolarmente la stanza, soprattutto dopo la doccia, per ridurre l’umidità Lavare accappatoi e asciugamani una volta alla settimana SALOTTO Rimuovere tappeti e moquette Preferire tendaggi leggeri e facilmente lavabili. Lavarli una volta al mese Eliminare quanto più è possibile cuscini aggiunti Spolverare quotidianamente mobili e soprammobili Aspirare la polvere dal pavimento quotidianamente con aspirapolvere dotato di filtri HEPA

Info autore

Dr. Filippo Fassio

Allergologo, appassionato di allergologia e Allergy Blogger. Lavoro tra Firenze, Pistoia e Lucca. E cerco di fare del mio meglio per arrivare sempre alla soluzione del problema!